Fulvio Terzappi

lunedì, agosto 21, 2006

MISTERI DEL COSMO

Vorrei innanzitutto sapere che fine ingloriosa ha fatto l'esimio Dottor Zoidberg Sala. Non posso continuare a vedere questo blog senza i suoi interventi. Se la sua assenza ingiustificata ed ingiustificabile si dovesse protrarre ancora per molto, mi vedrò costretto a scrivere un post che gli possa provocare una qualche benchè minima reazione. Argomento: l'indulto per i carcerati. Sono ben conscio che l'oggetto di tale discussione gli stia molto a cuore, infatti, se devo dirla proprio tutta, speravo e tuttora spero che un simile post lo scriva lui, anche per via delle nostre opposte visioni sull'argomento.
Altra cosa che vorrei sapere è il perdurare della latitanza del mio amico Albertone Bergonz dalle colonne del blog. Mi dice sempre "domani scrivo, domani scrivo". Voi avete mai visto un suo post? Io lo aspetto con impazienza.
Di Fulvio Guiz conosco le motivazioni, il buon Crisalidone Tasso sta smaltendo una cassa alcolica piuttosto pesante. Tutti gli altri sono uccelli di bosco.

E adesso cominciamo col vero post. Pare che il Sistema Solare possa diventare più affollato. Il pianeta Terra, oltre ai suoi 8 già conosciuti colleghi, potrebbe ben presto trovarne altri 3.
Gli astronomi si son riuniti a Praga per l'assemblea generale della Iau, l'Unione Astronomica internazionale. In questa riunione dovranno decidere se allargare alla definizione di pianeti anche altri corpi celesti di dimensioni abbastanza considerevoli. In caso positivo, al solito elenco saranno da aggiungere anche Cerere, Caronte e quello che mi sta più simpatico, anche se abbastanza lontano, 2003 UB313.

Secondo la Iau, non dovrebbe essere più valida la vecchia definizione di pianeta, inteso come corpo che si muove rispettando uno schema fisso. In base a nuovi elementi e dati forniti dalla scienza moderna, la nuova definizione di pianeta sarà un corpo celesre con massa sufficiente affinchè la propria gravità ne determini una forma quasi sferica, che sia in orbita attorno al Sole o ad un'altra stella, ma non come satellite di un altro pianeta.
Nel caso di Caronte, se venisse accettato l'accordo, si avrebbe un sistema doppio formato da Caronte e Plutone: infatti finora Caronte è sempre stato considerato un satellite di Plutone, benchè i due corpi siano molto simili.
Cerere è invece sempre stato considerato un asteroide orbitante nella fascia tra Marte e Giove e dimensionalmente è il più piccolo delle possibili new entry.
2003 UB313, soprannominato Xena come la principessa guerriera, è invece il più grande dei possibili nuovi pianeti, il suo ingresso dal portone principale nel Sistema Solare potrebbe dar vita ad una nuova fascia di pianeti, ovvero i plutonidi, assieme appunto a Caronte e Plutone.
Per la nuova definizione di pianeta che è uscita dal congresso però la lista di nuovi arrivati potrebbe allungarsi, ci sono già un'altra dozzina di corpi celesti che potrebbero diventare nuovi pianeti del Sistema Solare. Per fortuna che non andiamo più a scuola e non dobbiamo impararli tutti a memoria.
Prevedo un duro lavoro per gli astrologi, se ogni pianeta, come dicono, influisce sulla vita di ogni appartenente ad ogni segno zodiacale, qua le variabili aumentano.
Eppoi, guardate com'è strana la vita: un giorno sei un sasso qualunque disperso nell'Universo e il giorno dopo ti puoi addirittura fregiare del titolo di pianeta!


Cosmic Girl, Jamiroquai

4 Comments:

Posta un commento

<< Home